Il nome Barbòeros, con il quale si caratterizzava il carnevale del Vilar (borgata Villaro), è dovuto alle maschere dotate di lunghe barbe che indossavano alcuni protagonisti della festa. Si tratta di un rito pagano ricco di simboli legati alla rinascita e alla fertilità. Il programma inizierà  Venerdì 24 febbraio con Lhi Manhins, personaggi giocosi e scherzosi tipici del Carnevale alpino, che gireranno per le borgate di Acceglio fino ai festeggiamenti serali che si terranno nel ristorante Il Portichetto di Borgo Villa con cena e musica dalle ore 20. Nella giornata di sabato 25 febbraio due appuntamenti culturali, ad ingresso gratuito, ricorderanno questa antica manifestazione: alle ore 15, presso il Municipio in Borgo Villa, il Professor Piercarlo Grimaldi, antropologo e accademico italiano, Rettore dell'Università  di Pollenzo, dal 1993 Direttore della collana di Documenti e ricerche di etnologia europea e studioso di tradizioni popolari, terrà una conferenza dal titolo "Feste e rinascite alpine: il Carnevale di Villaro di Acceglio". In questa occasione verrà proiettato il documentario sul Carnevale del Villar "Cambio della guardia per il Carnevale", realizzato nel 1989 dallo stesso Grimaldi con Ambrogio Artoni e Gianluigi Bravo. Alle ore 17, nel cuore di Borgata Villaro, all'interno di un antico e tipico edifico alpino non ancora ristrutturato, sarà  presentata la mostra Las barbòiras del Vilar - Personaggi, storia e tradizioni dell'antico Carnevale del Villaro di Acceglio, realizzata da Espaci Occitan con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Torino. Le opere, create dagli artisti Piero e Sara Benedetto, illustrano i principali personaggi che componevano la grande Compagnia del carnevale accegliese e sono realizzate con materiali di recupero rielaborati artisticamente e adattati a contenere la raffigurazione delle tradizionali Barbòeros. Insieme alla mostra saranno esposte le fotografie originali dell'ultima edizione del Carnevale alpino che risale al 1991. Grande spettacolo alle ore 21.30 nella Sala polivalente O'Bacco in loc. Frere con il concerto GRAN BAL DUB di Sergio Berardo e Madaski. Lo storico leader dei Lou Dalfin e il fondatore degli Africa Unite, uno dei più grandi esponenti della musica elettronica nella sua versione dub, avvalendosi della partecipazione di altri due giovani suonatori emergenti della musica occitana, Chiara Cesano (violino) e Roberto Avena (fisarmonica) coniugheranno, alla luce di una comune propensione al ballo e al movimento, le note della ghironda e degli altri strumenti d''Oc a suggestioni e ritmi elettronici e techno. La serata sarà  aperta dal giovanissimo gruppo Lou Pitakass. Ingresso € 5.