Borgata Pratorotondo - 1629 m

Festa patronale: Madonna della neve - 5 agosto
Miracolo della neve a Roma nel IV secolo
Festeggiamenti: secondo sabato di agosto

Pratorotondo di Acceglio

Un prato e una lunga scia di case accoglie chi raggiunge Pratorotondo, raggiungibile sia lungo sentiero che con la strada salendo da Chialvetta. Alla base del cordone morenico ai piedi di Viviere, Pratorotondo mantiene integro il suo aspetto rurale del secolo scorso. Questo insediamento urbano presenta una forma allungata secondo il vallone, in quanto le sue case furono costruite ai due lati del vecchio sentiero. All’interno della borgata un fontana e il pilone con la piccola campana ci accolgono come in un abbraccio ; oltre la piccola chiesetta è un segno di saluto al rientro dai monti. Sopra la borgata, avvicinandosi al ruscello, isolato dalle case si incontra un antico mulino a pietra, la cui particolarità è che le pale girano su asse verticale.
Da Pratorotondo si prosegue verso l'Alto Vallone di Unerzio o, da una casa isolata con tetto a scandole e pilone, alle Grange Ussiera-Colle di Soleglio Bue.

Accoglienza
RIFUGIO UNERZIO (Capanna Sociale CAI Saluzzo) Tel. 0171.99017

Primavera a Pratorotondo